Una boccata d’aria chiamata Anna

In questo periodo storico in cui dobbiamo seguire regole di comportamento e dove aleggia uno stato d’ansia costante, cosa c’è di meglio che scoprire qualche nuova serie tv? E io, da utente di Netflix con una certa monotonia per i soliti contenuti, ho optato per cominciare una serie che non avevo mai visto prima.

Anne With An “E”, in italiano Chiamatemi Anna, è una serie tv di Netflix che fa apprezzare le storie di una volta, dà una boccata d’ossigeno alla testa e al cuore. L’adattamento di Anna dai Capelli Rossi oserei dire che fa bene all’anima.

 

llocandina

 

La serie composta di sole tre stagioni (con i canonici dieci episodi) si fa guardare con spensieratezza perché la protagonista Anna è proprio così, spensierata come una farfalla ma con un lato profondo che nasconde a tutti attraverso il suo animo istrionico. Sembra una ragazzina tutta lentiggini e niente vergogna ma non è così; nel suo cuore ha sofferto gli anni in orfanotrofio e ha conosciuto il lavoro duro fin da bambina. Quando arriva nella sua prima vera famiglia si deve abituare alla vita che ogni bambino dovrebbe avere perché brama la cosa più bella al mondo, essere accettata e di conseguenza amata.

0E66038E-5697-4D2D-9C56-4F88A79364C0-3948-000004892C391882

 

La sensibile e intelligente Anna prima Shirley e poi anche Cuthbert conosce così i suoi tutori. L’austera ma benevola Marilla e il bonaccione Matthew insieme formano una famiglia aprendo così a tutte le vicende che seguiranno nella fattoria di Green Gables a Avonlea in Canada.

Anne With An “E” diventa un racconto di formazione, oltre che una narrazione drammatica con un’ambientazione storica molto accurata. Seguiamo la vita ad Avonlea tra la fine del 1800 e l’inizio del nuovo secolo attraverso gli occhi azzurri e sfavillanti di Anna. Con una mente sempre affamata di parole, nozioni, poesie da imparare la ragazza riesce a capire tutto o meglio ad interpretare ciò che la circonda. Così si mischiano vari temi, vediamone alcuni.

 

Chiamatemi-Anna-personaggio-quiz

 

  • L’emancipazione della donna. Non deve più essere vista come una cosa o un essere atto alla procreazione ma una creatura pensante, che agisce e prende decisioni.
  • Il diverso. Ciò che non è consono agli stereotipi è percepito da tutti come strano e quindi oggetto di derisione. Come la stessa Anna, così smilza e dai lunghi capelli rossi, il compagno di classe Cole con un’anima da artista, l’amica indiana Ka’Kwet.
  • La morte. Fase della vita che tutti prima o poi attraversano e che viene elaborata in modi diversi. Ad esempio Marilla la nega, Gilbert reagisce con praticità.
  • La libertà. Ogni persona dovrebbe essere libera di esprimere la propria opinione sia parlata che scritta, una donna dovrebbe decidere autonomamente della propria vita (l’incantevole Miss Stacey).
  • La cattiveria dell’uomo. Sentimento purtroppo insito nel genere umano si presenta sotto più forme: il razzismo verso Sebastian, la finta gentilezza dei pensionanti a Green Gable, l’invidia di qualche compagno di classe, l’inconsistenza di una moglie agli occhi del marito e così via.

 

chiamatemi-anna-s2

 

E infine, l’elemento che tiene unita ogni storia che si rispetti, l’amore.

L’amore fa fare cose stupide. Fa scrivere lettere che partono speranzose verso l’altra parte del mondo, fa essere orgogliosi al punto di non dichiararsi mai, o ancora fa sembrare imbranati agli occhi di chi ci guarda. Anna Shirley Cuthbert l’amore lo sta scoprendo adesso, quello sbarazzino per il bel tenebroso Gilbert Blythe; ma anche quello verso la sua famiglia, la migliore amica Diana, l’amico Jerry, e le parole che tanto la affascinano.

 

unnamed

 

Anne With An “E” è un bellissimo affresco da guardare, puntata dopo puntata, per riscoprire un po’ di quella semplicità che abbiamo perduto. Lo credete anche voi?

 

“Non è bello pensare che domani è un giorno nuovo ancora privo di errori? Ci sarà un limite agli errori che una persona può compiere e quando io arriverò al limite allora non ne farò più.” – Anna

 

Voto serie: 8

Pubblicato da clickilblog

Questo è un blog personale che nasce dalla mia passione per le serie tv, americane per la maggior parte. Le ho seguite da sempre, prima in televisione con il sacrosanto appuntamento settimanale o giornaliero...

2 pensieri riguardo “Una boccata d’aria chiamata Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: