The Walking Dead, la serie tv che non vuole morire

Vorrei condividere con voi più che un articolo uno sfogo. Perché quando si rimane delusi da qualcosa bisogna parlarne con qualcuno, per far sembrare la sensazione che proviamo meno ingombrante di quello che pensiamo.

Sto parlando di The Walking Dead, serie tv che seguo da anni – l’ho recuperata qualche anno fa e da allora seguo l’uscita americana di ogni ottobre. Ma non quest’anno, perché penso che stia morendo un po’ alla volta.

E pensare come era partita bene. Le prime tre stagioni erano magistrali, le ho adorate. Con colpi di scena al cardiopalma e gli zombie che ancora facevano il loro mestiere di far paura e anche un po’ schifo. I personaggi ancora con una personalità da approfondire, penso al Governatore che è rimasto forse l’unico cattivo interessante.

Perfino Negan ha perso il suo smalto. Da super villain che era, il quale non mi piace e odio ancora per le scelte che ha fatto, non ha più mordente. È diventato molle come tutti gli altri.

La première di questa decima stagione l’ho guardata in un quarto d’ora con l’avanti veloce sempre impaziente di essere usato. Tutta la truppa è tornata ma che noia. Per di più con storyline che secondo me non interessano a nessuno, parlo di padre Gabriel e la coppia di neo genitori Eugine e Rosita. L’unico momento degno di essere guardato è stato il saluto tra Daryle e Carol, comico e tenero come sempre.

Perfino Alpha mi sembra la solita Alpha, pazza e noiosa già dalla stagione precedente. Perché è da lì che credo che le cose siano iniziate a precipitare definitivamente. E soprattutto dall’episodio in cui Rick Grimes è uscito di scena, volato via su un elicottero. Quel momento penso abbia segnato la mia personale discesa di TWD in una serie che ha perso di significato, che continua a trascinarsi come un walker qualsiasi.

Gli ascolti infatti ne sono una prova, hanno registrato il calo maggiore in assoluto. E quando speravo che Angela Kang confermasse che questa fosse l’ultima stagione ne ha in mente una undicesima e con il ritorno di Meggie. Ma perché? Non era meglio finirla lì e salvare il salvabile per dare una fine dignitosa alla serie?

Macché è stato anche ideato un altro spin off oltre il già avviato Fear The Walking Dead. Perché gli autori non staccano la spina e basta?

Penso che mi vedrete fare l’ultima recensione su The Walking Dead quando sarà finita… Spero presto.

Pubblicato da clickilblog

Questo è un blog personale che nasce dalla mia passione per le serie tv, americane per la maggior parte. Le ho seguite da sempre, prima in televisione con il sacrosanto appuntamento settimanale o giornaliero...

One thought on “The Walking Dead, la serie tv che non vuole morire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: